5 regole di un buon programmatore

5 regole di un buon programmatore LANGA WEB | Siti Web, Programmazione e Social con Metodo

Sei un programmatore alle prime armi, sicuramente avrai bisogno di consigli, di qualche aiutino, qualsiasi linguaggio tu andrai ad utilizzare, C++, Javascript, HTML, PHP e tanti altri… Ecco qui 5 regole di un buon programmatore fondamentali per diventare un ottimo coder!

  1. Scrivere chiari e precisi commenti. Permettono di leggere più facilmente il codice senza impazzire dietro ad algoritmi, funzioni o parametri di cui se ne disconosce il significato. Gli stessi commenti devono essere scritti senza rinunciare a una certa formalità. Se dovrai rileggere il tuo codice in futuro, essi saranno fondamentali per la facile comprensione.
  2. Scrivere un buon codice, ciò significa scrivere i nomi delle funzioni scegliendo i termini più adatti in base al contesto, più espressivi in assoluto. Conviene eliminare inutili abbreviazioni, solo per risparmiare qualche carattere. E’ importante scrivere un codice la cui sola lettura basta per capirne l’implementazione. Un consiglio in più: impara le scorciatoie da tastiera, ti saranno utili e ti aiuteranno a risparmiare un sacco di tempo!
  3. Framework e librerie. Spesso ci si trova a riscrivere del codice che in realtà esiste già. Pertanto, prima di buttarsi a capofitto nella scrittura di nuove classi, occorre capire cosa offre Internet. Esiste Google per cercare eventuali librerie già pronte. Se nulla ci soddisfa allora non resta che scriverne delle nuove.
  4. Standard e best practices. I design pattern vanno studiati, compresi e usati. Spesso i bravi programmatori li disconoscono ed è un male. Quando parliamo di best practices ci riferiamo a esperienze che altri hanno già maturato in qualche settore professionale e nelle quali hanno raggiunto ottimi risultati. Potete pensare a delle regole generali, più o meno formalizzate, o a degli esempi opportunamente descritti e commentati.
  5. Pensare. Poi scrivere codice. Lontano da una schermo e una tastiera si riesce meglio a programmare. Sembra un paradosso, invece è la pura realtà. Provate a pensare alla vostra applicazione fuori da una finestra di Mac, Windows o Linux. Si è tentati di scrivere subito del codice funzionante, salvo poi scoprire che una funzione poteva essere scritta meglio, o un insieme di classi poteva essere progettato in modo più intelligente.

Bene, ora sei pronto per creare la tua applicazione!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

+ info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi